.

OTTAVA FESTA DE L'UNITÀ: "SÌ RIPARTE, INSIEME."

.

IL 5 GIUGNO 2016 VOTA PARTITO DEMOCRATICO. VOTA IDA CARDILLO SINDACA.

ECCOCI.

C'E' UNA POLITICA CON LA SCHIENA DRITTA CARICA DI ENTUSIASMO E VOGLIA DI FARE , PARTECIPA E SEGUI ANCHE TU IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA

30 giugno 2015

#BentornataUnità

Cari compagni e amici del PD, dal 30 giugno l'Unità torna in edicola. Era un mio impegno personale, oggi è una promessa mantenuta. Ha poco senso oggi piangere sul latte versato (e sui tanti denari versati). Purtroppo le vicende del passato non si possono sistemare. Ma il futuro è nelle nostre mani. E allora abbiamo lavorato con passione – grazie innanzitutto al tesoriere del PD Francesco Bonifazi, alla proprietà, al direttore Erasmo d'Angelis – per riportare in edicola questa testata gloriosa. Per darle un futuro. Perché la nostalgia è un sentimento nobile, ma costruire la speranza è ancora più bello. Non sarà solo l'Unità cartacea. Ma anche il sito, la web-tv (Unità TV prende il posto di YouDem), le feste che già dallo scorso anno sono tornate a chiamarsi Festa dell'Unità. Abbiamo bisogno di un partito che rafforzi i suoi ideali ma anche la sua organizzazione. La discussione partito liquido-partito solido non ha senso: ormai la differenza è tra un partito organizzato bene e uno organizzato male. E noi dobbiamo migliorare a Roma, come in ciascuno dei circoli. Ho chiesto che l'Unità sia uno spazio di libertà, di confronto, di discussione. Che ci aiuti a raccontare l'Italia bella, quella che non si arrende, quella dei tantissimi circoli che fanno iniziative di livello, quella del volontariato e dell'associazionismo. L'Unità che vuol bene all'Italia. Vorrei che gli iscritti e i circoli la sentissero come loro patrimonio. Non solo dando una mano sia negli abbonamenti che nella diffusione alle feste. Ma anche partecipando. Scrivendo, commentando, criticando, proponendo. L'abbiamo riportata in edicola. Adesso tocca a tutti noi averne cura. Conto, come sempre, sul vostro impegno

 Grazie

I GIOVANI DEMOCRATICI: ‘VILE ATTO AGGRESSIONE OMOFOBA AD ANDREA LEGGIERI’

La violenza in ogni forma è contraria allo scopo di una società che si definisce civile e così ancora oggi, in questi anni di falsi profeti su Facebook, tutti la condannano ma continuano ad accadere eventi di sconcertare razzismo sociale: qualche giorno fa (16 giugno) il nostro amico e compagno Andrea Leggieri, mentre era in un bar a Milano, è stato raggiunto da insulti “mongoloide, ricchione” e sfociati in atti intimidatori quali calci e percosse, solo per il suo orientamento sessuale . È bene dire che Andrea ha una lunga militanza nell’ambito dei diritti civili, fin a qualche anno fa è stato responsabile diritti civili per i Giovani Democratici della Provincia di Taranto e poi responsabile del dipartimento diritti civili per il Partito Democratico provinciale. Insieme ad Andrea ci siamo occupati quotidianamente di atti politici di integrazione sociale basti pensare che si lotta da anni per l’istituzione di un Registro delle Unioni Civili nel Comune di Taranto e che, forma più subdola di discriminazione, non viene accolto in seno al Consiglio Comunale . Quello che è successo è un gesto riprovevole non può passare in secondo piano, Andrea è stato attaccato fisicamente a Milano, e con lui viene colpito moralmente per ogni giorno che la sua Città vive nella discriminazione e nella paura, vive senza riconoscimento dei suoi diritti e viene colpito più duramente quando le istituzioni non intervengono o sono sorde e assenti. Questo nostro amico ha avuto il coraggio di denunciare, ma quanti, spaventati o minacciati, non hanno il coraggio di procedere? E quanti ogni giorno nelle loro case fanno finta che alcune persone hanno tutti i diritti perché “sane” e quante non ne meritano perché “malate”? 
 Andrea così viene colpito ogni giorno. L’orientamento sessuale prescinde dai diritti, l’orientamento sessuale non può essere motivo di discriminazioni, l’orientamento sessuale dev’essere libero e garantito. Si ha l’impressione in questa nostra società che quasi non ci sia spazio per definire gli omosessuali “persone”. Crediamo nella buona politica, stiamo dalla parte dei diritti, dei valori e del rispetto umano contro tutti quelli che parlano odio e rabbia, e crediamo che il coraggio e la forza di persone come Andrea possono ancora darci speranza contro l’ omofoba e contro tutte le discriminazioni .
 Ti abbracciamo forte Andrea Leggieri, non sei da solo. 

 GD Massafra 
 GD Marina di Ginosa 
 GD Lizzano 
 GD Manduria 
 GD Montemesola 
 GD Castellaneta 
 GD Laterza

29 giugno 2015

ARRIVA LA BANDA ULTRA LARGA GRAZIE AL GOVERNO RENZI

Anche Massafra, grazie al governo Renzi ed agli investimenti del MISE, è nel programma per la realizzazione in Puglia della Rete di Nuova Generazione in Fibra Ottica! Il programma ha l’obiettivo di fornire connettività con banda ultralarga in 148 comuni pugliesi per favorire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. In questi giorni, sulle strade di diverse vie di Massafra (via Carducci, via Mercadante, via del Santuario, viale Marconi, viale Colombo, via Dalmazia, via Foscolo, via Giordano, via Petrarca, via Bernini, via Bellini, via Da Vinci, via Paganini, via Montegrappa, via Trieste, via Settembrini, via Zaccometti, via Lamarmora, Corso Roma, via Mancini, via Montesanto, via Lazzaro, Viale Magna Grecia e via Napoli) sono stati tracciati i segni per i futuri scavi per la posa della fibra ottica. I lavori inizieranno in questi giorni e dovrebbero protrarsi fino al 30 luglio. Il progetto per la banda ultra larga (Bul), verrà messo in atto da Telecom Italia, vincitrice del bando indetto da Infratel per la Regione Puglia. Il Ministero dello Sviluppo economico, Regione Puglia, Infratel e Telecom Italia insieme, per un investimento complessivo di 95 milioni di Euro, di cui 61,7 milioni di finanziamento pubblico e 33,3 milioni a carico di Telecom Italia. Questo importante intervento infrastrutturale consentirà di raggiungere complessivamente l’88% del territorio regionale, facendo così della regione Puglia una delle più avanzate realtà italiane con soluzioni tecnologiche di nuova generazione. Entro il primo semestre 2016, nei 148 comuni previsti dal progetto, saranno realizzate infrastrutture di rete passiva in fibra ottica per favorire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. Entro il 2018 tutti i Comuni pugliesi saranno raggiunti dalla connessione con la banda ultralarga. Per il nostro territorio, scelto tra i primi in Puglia, la realizzazione della banda ultra larga porterà grandi benefici non solo ai semplici utenti ma anche alle attività professionali ed imprenditoriali Banda Larga significa velocità e opportunità; collegheremo meglio Massafra e la Puglia al resto del mondo; soprattutto le forze più innovative del nostro territorio di Massafra potranno camminare su un’infrastruttura digitale solida ed avere un accesso ultraveloce con il mondo! Con la Banda Ultra Larga si potranno connettere meglio le imprese, la pubbliche amministrazioni, gli ospedali le scuole ed i cittadini. A breve verrà messa a disposizione delle famiglie, delle realtà imprenditoriali e della pubblica amministrazione la più moderna infrastruttura a banda ultralarga, portando la connettività a 30 megabit per secondo e 100 Mbps sulla base del modello Nga (Next generation access). Inoltre queste nuove tecnologie aiuteranno le imprese e le pubbliche amministrazioni ad essere più efficaci ed efficienti con la realizzazione dei servizi di smart city. Abbattere il divario digitale al sud è una delle tante sfide che il Buon Governo del Partito Democratico sta realizzando! 

Imma SEMERARO, Segretario Circolo PD Massafra
Angelo NOTARISTEFANO, Segretario Giovani Democratici Massafra

12 giugno 2015

MICHELE MAZZARANO RINGRAZIERÀ GLI ELETTORI IN PIAZZA VITTORIO EMANUELE


Domenica 14 giugno alle ore 20 in Piazza Vittorio Emanuele a Massafra, il nostro Consigliere Regionale Michele MAZZARANO ringrazierà gli elettori con un pubblico comizio.
 Non mancare!

2 giugno 2015

EMILIANO E' IL NUOVO GOVERNATORE , PRIMO ANCHE A MASSAFRA

Confermato anche a Massafra il voto che si è profilato su scala regionale. Al termine dello scrutinio delle 26 sezioni, l'ex sindaco di Bari Michele Emiliano si attesta al 40,9% con 5.270 voti.La vittoria di Emiliano è stata trainata dal PD di Massafra con un straordinario risultato .Secondo posto per il candidato fittiano Francesco Schittulli con 2.980 preferenze, pari al 23,18%. La candidata pentastellata, Antonella Laricchia, nella Tebaide d'Italia raggiunge un 22,22% con quasi 2.860 voti di preferenza. Infine la candidata berlusconiana, Adriana Poli Bortone, ottiene il 12,86%, con poco più di 1.650 voti. I risultati alle singole liste vedono primeggiare il PD (3.115 voti), primo partito massafrese con oltre 3mila voti, confermandosi in vetta alle preferenze dopo le europee del 2014. Ottimo il risultato per i grillini (2.740), secondi. Nel centrodestra, Fratelli d’Italia (1.655) prevale su forzisti (1.210) e fittiani (489).

RISULTATI CANDIDATI PRESIDENTI MASSAFRA

  1. Michele Emiliano    5.270 voti
  2.  Schittulli  2.980 voti
  3.  Laricchia  2.860 voti
  4.  Poli Bortone 1.650 voti
  5. Marigiò 36 voti
  6. Rossi 35 voti
  7. Rizzi 20 voti