.

OTTAVA FESTA DE L'UNITÀ: "SÌ RIPARTE, INSIEME."

.

IL 5 GIUGNO 2016 VOTA PARTITO DEMOCRATICO. VOTA IDA CARDILLO SINDACA.

ECCOCI.

C'E' UNA POLITICA CON LA SCHIENA DRITTA CARICA DI ENTUSIASMO E VOGLIA DI FARE , PARTECIPA E SEGUI ANCHE TU IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA

30 giugno 2013

Presentazione Legge Regionale sui Beni Culturali

Lunedì 1° Luglio il Gruppo consiliare del PD organizza a Massafra un assemblea su "Disposizione in materia di Beni Culturali"  dove verrà presentata la nuova legge regionale sulla tutela e valorizzazione dei beni culturali e della loro fruizione pubblica

Interverranno :

* Michele Mazzarano consigliere regionale PD
* Prof . Cosimo Damiano Fonseca Accademico dei Lincei
* Angela Barbanente VicePresidente & Assessore Alla Qualità del Territorio

29 giugno 2013

• Tares, battaglia tra Comune e Pd

Il consiglio comunale approva, in assenza dell’opposizione, il nuovo regolamento sulla Tares e scoppia la guerra. In aula il consigliere al Bilancio Antonio De Giorgio, ha relazionato sul Bilancio di Previsione 2013 e sul Bilancio Pluriennale 2013-2015 evidenziando come l’approvando strumento contabile stia continuando sulla scia di una coraggiosa politica di sviluppo del territorio con investimenti rilevanti e sostenibili. "Al fine di mantenere l’equilibrio economico-finanziario - ha fatto sapere- saranno confermate le tariffe, le addizionali dell’imposta sulla pubblicità, sulle pubbliche affissioni e della Tosap, dell’Irpefe la Tosap ai passi carrabili. Le aliquote Imu saranno ridotte rispetto all’anno 2012 di 1,5 punti e sarà prevista un’aliquota intermedia per i terreni agricoli (0,76%) e per i fabbricati rurali (0,20%). Per quanto riguarda la Tares (tributo comunale sui rifiuti e servizi), da versare in quattro rate da luglio a dicembre, il calcolo è completamente cambiato rispetto alla vecchia Tarsu e tiene conto di due principi: entrate e costi sostenuti per la erogazione del servizio e equità contributiva”. Ed è proprio sulla Tares che si è aperto il confronto serrato in aula. “Mentre noi dell’opposizione cercavamo di illustrare emendamenti finalizzati a ridurre la pressione fiscale - commenta il capogruppo del Pd, Vito Miccolis - tra i banchi di opposizione c’era chi guardava la partita. E’ per protesta che abbiamo deciso di abbandonare l’aula e per protesta, giacchè è impossibile parlare con una maggioranza distratta, oggi avviamo una campagna di sensibilizzazione rivolta al cittadino”. In una conferenza stampa, infatti, stamattina ,il Segretrio Imma Semeraro i consiglieri del Pd Vito Miccolis e Giuseppe Miraglia, il responsabile giovani Angelo Notaristefano ed il consigliere regionale Michele Mazzarano hanno illustrato le proposte per ridurre la tassazione. La prima riguarda l’abbattimento della Tares (passata da 2,8 milioni della vecchia Tarsu a 4,3 milioni) pari al 50% per chi dispone di un cassonetto nel raggio di un chilometro e del 60% oltre il chilometro. Inoltre, il Pd invita i cittadini al compostaggio domestico, ovvero ad utilizzare l’umido come fertilizzante con un sistema già collaudato in altri Comuni. "Così abbattendo il conferimento in discarica - spiega Miccolis - si ridurranno anche i costi di smaltimento per il Comune e quindi per i cittadini”. Infine suggeriscono l’incentivazione della raccolta differenziata nelle isole ecologiche assegnando a chi ricicla un premio o altro incentivo.

28 giugno 2013

• Conferenza stampa sulle proposte per ridurre le tasse e la qualità della vita






Sabato 29 Giugno 2013, alle ore 10.30 presso la sede del Circolo PD in Corso Italia 34 il Partito Democratico terrà una conferenza stampa in cui illustrerà le proposte per ridurre la tassazione in città e per migliorare la qualità della vita dei cittadini massafresi (proposte bocciate dalla maggioranza di centro-destra di Massafra nell'ultimo Consiglio Comunale del 27.06.2013).
Interverranno:
  •  Il Partito Democratico di Massafra
  •  I Consiglieri Comunali del Partito Democratico di Massafra
  •  I Giovani Democratici di Massafra

• Miccolis: «Imu e Tarsu, aumenti irresponsabili»

Il capogruppo del Pd a Massafra, Vito Miccolis, torna sulle tasse emanate dall’amministrazione, sia per la nuova Tares, sia per l’Imu 2013
Su questi nuovi provvedimenti l’esponente del PD è categorico: «L’amministrazione mette ancora una volta le mani nelle tasche dei cittadini. Già il varo delle aliquote Imu è stato fatto con trenta giorni di ritardo, altrimenti i massafresi avrebbero pagato di meno. E comunque le nuove aliquote sono alte».
Miccolis dice che le entrate del Comune, derivanti da queste tasse per il 2012 ammontavano
a circa 6 milioni di euro, mentre per il 2013 se ne prevedono 7 milioni: c’è un aumento di 1 milione.
Ancora: c’è la nuova Tares (vecchia Tarsu), che per le famiglie numerose, in base al nuovo metodo di calcolo, sarà una mazzata, con aumenti anche del 50%
Anche qui dai quasi 3 milioni di euro complessivi di riscossione per il 2012, si passerà agli oltre 4 milioni di euro, con un aumento di 1 milione e mezzo.
 «In Consiglio abbiamo avuto uno scontro – conferma il capogruppo del Pd – e ci siamo opposti, ma la maggioranza è riuscita ad approvare lo stesso il provvedimento malgrado le nostre rimostranze e i numeri esigui». Di numeri si parla, perché infatti nella votazione è accaduto che due esponenti dell’Udc hanno votato con la maggioranza.
Non è la prima volta che succede, ma in un tema così importante come il varo delle nuove tasse, in un momento di difficoltà solo numerica della maggioranza: insomma tutto fa pensare che ormai l’Udc si sia accodata alle decisioni dell’amministrazione. 
Miccolis su questo è molto duro: «Non ho capito le motivazioni di questa scelta, ma di certo senza questi consiglieri accorsi in soccorso, il punto sarebbe saltato, a causa delle tante assenze nei banchi della maggioranza
Per cui la responsabilità di questo nuovo aggravio di tasse è principalmente del gruppo Udc,che ha veramente agito da irresponsabile. Non ci sono interessi comuni da difendere: bisognerà chiedere a loro di questa scelta. E penso che di questo passo voteranno anche il Bilancio».
Insomma, una vera beffa per Miccolis, che rincara la dose, giudicando questa amministrazione, targata Pdl, poco in linea con le direttive del suo leader nazionale, sempre attento alla diminuzione delle tasse: «Quella del Pdl è pure propaganda. In campagna elettorale predicano bene, poi all’atto pratico rastrellano denaro da cittadini e famiglie. Eppure a Massafra, alle scorse politiche il Pdl è risultato il primo partito. Ma è sotto gli occhi di tutti che Tamburrano aumenta ogni anno le tasse». Da registrare anche uno scontro tutto interno all’amministrazione sul Piano del Traffico, per il posizionamento di alcune transenne in Corso Regina Margherita, che impediscono il flusso delle auto verso piazza Vittorio Emanuele e via Colonello Scarano.

A.Nasuto  il Quotidiano

27 giugno 2013

• Commissione su allagamenti terreni foce del fiume Tara

"E' stata avviata stamane, con le audizioni in V Commissione, la disamina del problema allagamenti dei terreni alla foce del fiume Tara", così in una nota il Consigliere regionale del Pd Michele Mazzarano, che ha chiesto con urgenza la convocazione della Commissione ad hoc. "Prontamente la V Commissione, grazie all'impegno del Presidente Donato Pentassuglia, ha avviato una prima ricognizione del problema, chiamando in audizione tutte le autorità competenti e certificando che la mancata soluzione del problema rischia di costringere la Regione a corrispondere ingenti somme risarcitorie per danni procurati a fronte di mancati interventi ordinari e straordinari alla foce del fiume Tara. Dispiace, invece, aver constato, e non e' la prima volta che accade, l'assenza, ai lavori della Commissione, del Comune di Taranto. Pertanto, in accordo con il Presidente Pentassuglia, stiamo procedendo ad una prossima urgente convocazione di tutti gli Enti preposti e della rappresentanza dei proprietari dei terreni, presso il Comune di Taranto. Non c'è più tempo da perdere. Al momento i terreni in questione, che riguardano decine di proprietari, sono inondati da un alto livello delle acque che raggiunge mediamente ottanta centimetri.
 Bisogna intervenire prontamente per consentire agli agricoltori di coltivare i loro terreni, risolvendo una volta per sempre questo annoso problema", conclude Mazzarano.

25 giugno 2013

• Massafra è Sporca! Blatte e scarafaggi infestano piazza Vittorio Emanuele II

Blatte, scarafaggi e topi spuntano dalle fogne con il caldo dell'estate e invadono Massafra .
Come abbiamo detto sui manifesti e nell’assemblea del 21, Massafra è Sporca! 
Blatte e scarafaggi infestano il “salotto” della nostra città, piazza Vittorio Emanuele II, girando indisturbate sulle panchine; alcuni ratti sono stati avvistati a PratoFiorito
Temiamo che il problema sia esteso su tutto il territorio comunale . La lotta alle blatte è diventata un’importante prassi di prevenzione sanitaria perché questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni ed altri parassiti pericolosi per l’uomo, aumentando, il rischio d’infezioni e malattie. 
Il Partito Democratico chiede un rapido intervento del Comune per combattere il fenomeno. Alla Giunta si chiede di intraprendere una campagna di disinfestazione regolare e programmata contro gli scarafaggi nella rete fognaria pubblica ed una derattizzazione. Eppure, il 18 e19 giugno, dovrebbero essere stati effettuati interventi di deblattizzazione e disinfestazione nel centro abitato di Massafra e nelle località balneari. 
Il problema si risolve con una corretta manutenzione dei tombini tutto l'anno e soprattutto distruggendo le uova che vengono deposte a settembre. Cosa che, al momento, non si fa. 
Le accortezze da adottare per tamponare il problema, sono le disinfestazioni. Inoltre bisogna mantenere pulite le strade dai rifiuti, spazzare e fare frequenti lavaggi
Il PD chiede che nel prossimo cosiglio del 27 giugno si discuta del odg “Problematiche Igiene Urbana” proposto da Pd , Sel e Puglia prima di tutto . Odg che tratta anche di queste tematiche e che per ben due volte è stato rimandato al Consiglio Comunale successivo .

 Il Circolo del Partito Democratico

• RIUNIONE DI PRECONSIGLIO del 25 giugno

IN PROSSIMITÀ DEL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE DEL 27 GIUGNO  IN CUI SI DISCUTERÀ  ANCHE DELLE ALIQUOTE TARSU E DEL BILANCIO IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA CONVOCA PER 
 MARTEDÌ 25 GIUGNO
ORE 20,00
PRESSO LA SEZIONE DI CORSO ITALIA , n.34 UN 
RIUNIONE
DI PRECONSIGLIO





• Consiglio Comunale del 27 giugno


Il Consiglio Comunale è stato convocato, in sessione ordinaria, per giovedì 27 giugno p.v. alle ore 18,00, presso la Sala Consiliare di Piazza Garibaldi, per discutere i seguenti argomenti:

-      Approvazione Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari 2013 – 2015;
-      Rideterminazione prezzo di cessione Aree PIP Anno 2013;
-      Rideterminazione prezzo di cessione Aree PEEP Anno 2013;
-      Determinazione ed aggiornamento valore Aree Fabbricabili Zone Omogenee P.D.F. per l’Anno 2013;
-      Riconoscimento legittimità debito fuori bilancio a varie ditte per l’alluvione del 2005;
-      Approvazione schema di convenzione ATO;
-      Approvazione Piano Triennale di Razionalizzazione dell’utilizzo delle dotazioni strumentali delle autovetture e degli immobili ad uso abitativo e di servizio;
-      Approvazione per l’Anno 2013 delle Tariffe per la determinazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi TARES ;
-      Approvazione del Regolamento per l’applicazione del nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES);
-      Approvazione Piano Finanziario TARES e disposizioni per il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi;
-      Approvazione Bilancio di Previsione 2013 – Bilancio Pluriennale 2013 - 2015 e Relazione Previsionale e Programmatica 2013 – 2015;
-      Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali d. lgs. 152/2006 e s.m.i.;
-      Modifica Regolamento Entrate;
-      Riconoscimento debiti fuori bilancio per: Consorzio Works; consumo energia elettrica impianti di rete fognaria “Marina di Chiatona e Ferrara”;
-      sdemanializzazione porzione di suolo e cessione di mq. 34 al Consorzio Campus delle Imprese Ioniche per la realizzazione di una cabina elettrica;

24 giugno 2013

• Vandali in azione al Teatro Comunale di Massafra

Il Teatro delle Forche, gestore della Residenza Teatrale di Massafra, esprime rammarico e dispiacere per quanto accaduto la notte scorsa nel Teatro Comunale
Ignoti si sono introdotti nello spazio teatrale, accedendo probabilmente dalla porta di sicurezza del loggione della struttura. Hanno sfondato e danneggiato la porta del botteghino, che era stata chiusa a chiave, e hanno messo a soqquadro il botteghino stesso, senza portar via nulla. Hanno rovistato anche nell’attrezzeria e nel retropalco, senza asportare alcun oggetto. Probabilmente alla ricerca di denaro, hanno creato tanto scompiglio ma non hanno perpetrato alcun furto. 
La brutta sorpresa si è presentata agli occhi del presidente del Teatro delle Forche Giancarlo Luce questa mattina. 
Alle ore 8.30 ha infatti aperto il Teatro Comunale per accogliere i bambini che frequentano il laboratorio archeoteatrale “La città dei giochi”. Lo stesso aveva chiuso ieri sera il Teatro, intorno alle ore 21.30, al termine delle audizioni per il concorso musicale “Discovery Summer Festival”.
Il Teatro delle Forche ha denunciato l’accaduto alla Compagnia dei Carabinieri di Massafra. 

TeleSud

23 giugno 2013

• Mazzarano: "A fianco dei lavoratori della Natuzzi" "


Siamo al fianco dei lavoratori della Natuzzi, sosterremo la loro lotta con tutte le nostre forze", dichiara il Consigliere Regionale del Pd Michele Mazzarano
 "Siamo di fronte all'ennesimo dramma sociale del nostro territorio. La minaccia di 1900 esuberi di lavoratori che ad ottobre termineranno di usufruire degli ammortizzatori, merita una reazione dura da parte di tutte le istituzioni. 
L'azienda ha il dovere di presentare un piano industriale anziché minacciare esuberi e decisioni di delocalizzazione che distruggerebbero la vita di migliaia di famiglie.
 Va ripreso e valorizzato lo spirito e il contenuto dell'Accordo di Programma per il distretto del mobile imbottito dal valore di 101 milioni di euro. 
Dall'esperienza produttiva del polo murgiano possono scaturire investimenti innovativi che potenzino e non indeboliscano l'industria del prodotto italiano. 
Ognuno si deve assumere la proprie responsabilità, il territorio non assisterà imbelle a decisioni aziendali che calpestano i diritti dei lavoratori", conclude Mazzarano.

• Nuove aliquote IMU

In apertura di seduta il presidente del Consiglio Pilolli ha dato lettura di un documento nel quale viene segnalata un’emergenza degli ex operai delle Opere Idriche, esclusi per il 2013 dagli ammortizzatori sociali in deroga. Il sindaco è intervenuto proponendo un odgda inviare al Ministero del Lavoro, dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente ed all’assessore Regionale al Lavoro, con il quale il Consiglio si impegna a perseguire il giusto sostegno ai lavoratori. Il Consiglio ha approvato il documento e la formazione di una commissione (capigruppo consiliari, sindacati e rappresentanti dell’azienda) che individui la migliore strada per la risoluzione dell’annosa vicenda . L’Assise ha ricordato la figura del dottor Vito Leonardo Donvito, già sindaco della Città dal 25 novembre 1983 al 15 luglio 1985, deceduto domenica scorsa. Pelillo ha ricordato l’umanità, la disponibilità e l’onestà di Donvito, mentre il consigliere Miccolis ha proposto di dedicare strade cittadine ai deceduti sindaci Porzano e Donvito, per quanto fatto in favore della collettività massafrese.
Determinati e definiti il numero e le scadenze delle rate di versamento TARES (tributo comunale sui rifiuti e sui servizi) per l’anno 2013. Approvati all’unanimità dei presenti il Regolamento Imposta Comunale Propria ed il Regolamento Comunale sulla TOSAP, dopo essere stato, quest’ultimo, emendato (abbattimento della tassa per le attività ricadenti nel Centro Storico – Ludovico).
Il consigliere incaricato al Bilancio e Finanze, Antonio De Giorgio, ha relazionato sulle aliquote per l’anno 2013 dell’IMU: prima casa e relative pertinenze 0,4% (anno precedente 0,55%), altri immobili 0,9% (anno precedente 1,05%); terreni agricoli 0,76% (anno precedente 1,05%). Vari consiglieri di opposizione hanno preso la parola sull’argomento soffermandosi sulla possibilità di inserire maggiori detrazioni per i cittadini (es. esenzione prima casa data in comodato d’uso a genitori o figli, in quanto immobile che non produce reddito) e per alcune categorie svantaggiate (es. lavoratori privi di mezzi di sussistenza).
Il sindaco è intervenuto nel dibattito evidenziando come, dal 2006 al 2011, non è stata mai aumentata la tassazione, se non per adeguamento ISTAT. Con 14 voti favorevoli e 5 contrari sono state approvate le aliquote IMU per l’anno 2013. Il Consiglio, con 15 voti favorevoli e 4 contrari, ha riconosciuto un debito fuori bilancio di circa 668.000 euro in favore della Società CISA. L’assessore alla Fascia Costiera, Raffaele Gentile, ha relazionato sul Piano di Attuazione Provinciale del programma regionale per la tutela dell’ambiente . L’assessore Gentile ha evidenziato come si tratti di approvare il progetto definitivo per fini urbanistici ed espropriativi. In sostanza – come ha sottolineato sempre l’assessore – si parla di un finanziamento di €. 800.000, di cui 150.000 per lavori già ultimati, mentre 400.000 euro destinati alla sistemazione del piazzale dell’ex “Convento dei Cappuccini” ed € 250.000 per lavori in Zona Nord nell’area della foce del fiume “Patemisco”, con la realizzazione di un accesso nella zona bonificata. Il consigliere Miccolis ha chiesto un ritiro del punto per un maggiore approfondimento e per una maggiore condivisione dell’iniziativa. Con 13 voti favorevoli e 5 astenuti il punto è stato approvato. Ritirato per la seconda voltaordine del giorno  sul tema: “Problematiche Igiene Urbana”.

• Mazzarano: “Inondazione terreni alla foce del Tara, subito in Commissione”

"Questa mattina ho chiesto al Presidente della V Commissione, Donato Pentassuglia, la convocazione, nei tempi più urgenti possibili, della Commissione per affrontare e risolvere il problema dei frequenti allagamenti dei terreni circostanti la foce del fiume Tara". Lo afferma in una nota il Consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano.
"Questi terreni - sostiene Mazzarano - sono perennemente invasi dall’acqua a causa della mancata manutenzione del fiume e dei canali nonché per la presenza, alla foce del fiume, dello stramazzo che provoca l'innalzamento del livello delle acque e la conseguente inondazione dei terreni. Decine di agricoltori, molti dei quali dediti esclusivamente alle loro colture, vivono questo problema da molti anni, senza che nessun Ente se ne faccia carico definitivamente. Tutto ciò nonostante siano in corso pesanti contenziosi con la certificazione di danni ascritti alla Regione Puglia, al Consorzio di Bonifica Stornara e Tara, al Consorzio Asi di Taranto".
"Ho chiesto - chiude Mazzarano - che si proceda alla convocazione e audizione, di tutti gli Enti titolari degli interventi necessari e la rappresentanza degli agricoltori"

22 giugno 2013

• ATTIVAMENTE - giugno 2013 - SPECIALE RACCOLTA DIFFERENZIATA

LEGGI ANCHE TU ON-LINE "ATTIVAMENTE" A CURA DEI GIOVANI DEMOCRATICI DI MASSAFRA. IL NUMERO DI GIUGNO CONTIENE UNO SPECIALE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA .

21 giugno 2013

• Firmato l'accordo per il trasporto oncologico dell'ASL di Taranto

"E' stato sottoscritto, nella giornata di ieri, l'accordo tra Assessorato e ASL di Taranto per dare continuità al servizio, più volte richiamato in questi mesi, del trasporto oncologico", dichiara il Consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano. "Grazie all'impegno e alla determinazione dell'Assessore Elena Gentile e della sua struttura, si e' trovata la soluzione più adeguata ad una vicenda controversa che rischiava di privare per sempre il nostro territorio di un servizio di grande utilità per i malati oncologici.
Si continuerà, attraverso un impegno economico diretto della Regione, il servizio di trasporto e assistenza di pazienti affetti da patologie molto diffuse in un territorio interessato da gravi criticità ambientali. Tale servizio, sperimentato inizialmente attraverso un progetto dell'ARES, pur non rientrando nei LEA, ha rappresentato una preziosa attività di assistenza per i malati e una boccata d'ossigeno lavorativo per gli autisti e gli ausiliari che lo hanno realizzato. Pertanto e' molto importante aver deciso di riavviare una buona azione che, negli ultimi anni, ha dato lustro all'offerta assistenziale del nostro territorio", chiude Mazzarano.

20 giugno 2013

• MASSAFRA E' SPORCA...DifferenziAMO la nostra Città !


* 21 GIUGNO ore 19,00 presso piazza Vittorio Emanuele II
PUBBLICA ASSEMBLEA SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E SULLO STATO DI ABBANDONO ED INCURIA DI MASSAFRA
Interverranno:

-Imma Semeraro segretario PD
-Angelo Notaristefano segretario GD
-Vito Miccolis capogruppo PD
-Cosimo Birardi sindaco di Monteparano , comune ricilone 2010,2011 e 2012
-Angelo Miccoli sindaco di Statte
-Michele Mazzarano consigliere regionale PD

• Consiglio Comunale del 20 giugno 2013




Il Consiglio Comunale è stato convocato, in sessione straordinaria, per giovedì 20 giugno p.v. alle ore 10,30, presso la Sala Consiliare di Piazza Garibaldi, per discutere i seguenti argomenti: 

  •  Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) - determinazione numero e scadenze rate di versamento per l’anno 2013 in attuazione dell’art. 10, comma 2, decreto legge 8 aprile 2013, n. 35;
  •  Definizione criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali d. lgs. 152/2006 e s.m.i.; 
  •  Modifica Regolamento Entrate; 
  •  Regolamento Imposta Municipale Propria; 
  •  Regolamento Comunale sulla Tosap; 
  •  Imposta Municipale Propria (I.M.U.) – approvazione aliquote per l’anno 2013; 
  •  Riconoscimento debiti fuori bilancio per: CISA SpA per revisione ISTAT e Consorzio Works; 
  •  Piano di attuazione provinciale del programma regionale per la tutela dell’ambiente: “interventi nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale per la caratterizzazione e/o la messa in sicurezza o bonifica di aree industriali dismesse ad alto rischio o per la messa in sicurezza di aree di ex discariche comunali. Approvazione progetto definitivo ai fini urbanistici ed espropriativi”. 
  •  Ordine del giorno presentato dai capigruppo (Puglia prima di Tutto, PD e SEL) sul tema: “Problematiche Igiene Urbana”;

19 giugno 2013

• Ci stiamo Applicando

Sabato 22 giugno all’hotel Sheraton di Bari, dalle 10 alle 15, il Gruppo consiliare del Partito democratico partirà con la campagna d’ascolto. Saranno presenti tutti gli eletti del Partito democratico. Interverranno anche il ministro per la Cultura, Massimo Bray; il vice presidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella; e il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro; il presidente della Commissione Bilancio alla Camera, Francesco Boccia; il presidente della Commissione Politiche comunitarie alla Camera, Michele Bordo; e il presidente della Commissione Difesa al Senato, Nicola Latorre. Avremo così modo di sottoporre direttamente ai massimi livelli istituzionali quelle che sono le esigenze pugliesi più imminenti, programmando allo stesso tempo i temi da affrontare nei prossimi giorni
.Il Partito democratico è uno strumento che i pugliesi e la Puglia hanno a disposizione, un’applicazione da installare nella regione per migliorarne le prestazioni in ogni ambito: dalla sanità al lavoro, dal turismo all’ambiente, dai trasporti all’energia, solo per citarne alcuni. Vogliamo cioè che la Puglia dia il massimo, che la nostra regione offra occupazione, nuove opportunità, una qualità di vita superiore.Per far sì che questo avvenga, ci stiamo applicando ma sappiamo che non è abbastanza. Abbiamo bisogno di voi, di ascoltare la vostra voce. Vi chiediamo, cioè, di partecipare suggerendo soluzioni, sollevando questioni da risolvere, proponendo idee, avanzando proposte su qualunque argomento.
Partecipa
https://www.facebook.com/cistiamoApplicando

• Oggi conferenza stampa nel quartiere Gesù Bambino

Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 19.00 nel parcheggio all'interno del quartiere Gesù Bambino, il Partito Democratico terrà una conferenza stampa in cui illustrerà le problematiche sulla raccolta differenziata che i cittadini di questo quartiere hanno sollevato. Questo appuntamento con la stampa servirà anche ad introdurre le migliori soluzioni sulla raccolta differenziata che alcuni comuni limitrofi hanno messo in pratica con successo e che saranno poi presentate in un pubblico dibattito che il Partito Democratico terrà venerdi 21 alle ore 19,00 in Piazza Vittorio Emanuele con i sindaci di Statte e Monteparano. Interverranno 

  • Imma Semeraro - Segretario PD Massafra 
  • Angelo Notaristefano - Segretario Giovani Democratici Massafra
  • Giuseppe Miraglia - Consigliere Comunale PD 
  • Giovanni Ricci - Segretario Giovani Democratici di Statte 
  • Alex Borsci - Consigliere Comunale di Monteparano

• Sospensione nuovi allacci a rete fognaria, protesta Mazzarano

"L'AQP ha deciso di sospendere le nuove autorizzazioni di scarico in fogna di reflui civili ed industriali per i comuni di Francavilla Fontana, Monteiasi, Grottaglie e Trinitapoli. Tale decisione sembrerebbe legata all'attuazione del Piano di Azione, approvato dalla Giunta regionale con deliberazione n.736 dello scorso 11 aprile allo scopo di contrastare le criticità ancora in atto negli agglomerati urbani citati, oggetto di censure da parte della Comunità Europea.
Ma, come rilevato da una nota del Servizio di Tutela delle Acque della Regione Puglia, non si comprende perché, in ossequio alle disposizioni regionali, si determinerebbe l'impossibilità, da parte di AQP, di consentire gli allacci alla pubblica fognatura di nuove utenze che ne facciano richiesta nei comuni interessati, bloccando il completamento degli allacci fognanti nelle zone già servite da rete fognante, nonché la realizzazione di nuovi allacciamenti nelle zone degli abitati in cui sono in corso interventi di realizzazione dell'estensione delle reti stesse.
Delle due l'una: o l'AQP assume una decisione inopinata e di grave nocumento per gli utenti oppure la delibera di Giunta Regionale di riferimento è punitiva nei confronti di Comuni serviti da impianti sottoposti a infrazione, pur non avendone alcuna responsabilità.
L'AQP avrebbe dovuto, inoltre, farsi carico da tempo di iniziative che affrontassero il problema del sottodimensionamento degli impianti di depurazione in questione, senza attendere le determinazioni della Giunta Regionale, per evitare di far cadere sotto infrazione comunitaria i suddetti impianti.
In ogni modo non si comprende perché la cattiva gestione da parte di AQP si debba trasformare in una decisione che penalizza i Comuni e i loro abitanti.
Al fine di superare presto quanto deliberato dal Gestore del Sistema Idrico Integrato, ho già presentato, sulla questione, interrogazione urgente al Presidente della Giunta Regionale".


Michele Mazzarano
Consigliere regionale PD

17 giugno 2013

• PUBBLICA ASSEMBLEA 18 GIUGNO

IN PROSSIMITÀ DEL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 GIUGNO  IN CUI SI DISCUTERÀ  ANCHE DELLE ALIQUOTE IMU E E DELLE ALTRE TASSE PER I CITTADINI MASSAFRESI

IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA CONVOCA PER 
 MARTEDÌ 18 GIUGNO
ORE 19,30
PRESSO LA SEZIONE DI CORSO ITALIA , n.34 UN 
PUBBLICA
ASSEMBLEA
INTERVERRANNO 
-Vito Miccolis capogruppo PD
-Giuseppe Miraglia consigliere comunale PD
-Giuseppe Cofano  consigliere comunale CDC
- Dott. Giuseppe Spera commercialista






16 giugno 2013

• IMU: A Massafra si versa 50% del totale pagato nel 2012


Ancora poche ore per mettersi in regola con il fisco per il pagamento dell'Imu sulle seconde case, e sui vari immobili commerciali e industriali.
 La tassa sull'abitazione principale e su terreni e fabbricati agricoli e' stata sospesa dal Governo Letta, mentre per gli altri immobili soggetti a imposta, la cui prima rata dovrà' essere pagata entro lunedì' 17 giugno. 
 I Massafresi hanno pagato questa prima rata ,pari al 50% del totale dell’ IMU con le aliquote fissate dai Comuni nel 2012 . Ovvero con percentuali del 10,5 per mille , il 2,9 per mille in più di quanto stabilito dal Governo Monti.
 Come al solito l'  amministrazione comunale è stata sorda alle richieste del Pd e dei cittadini che chiedevano di rimodulare da subito l’IMU . 
Noi del Partito Democratico da subito abbiamo proposto al Comune , per non tartassare i cittadini , che si attivasse entro maggio   per rideterminare le nuove aliquote.
 Diminuire subito le aliquote al minimo per garantire equità e solidarietà. Andando incontro a a chi anche a Massafra non arriva a fine mese,e a commercianti e imprese che patiscono maggiormente la crisi. 
In merito ,all’IMU e agli altri punti all'ordine del giorno per il consigli comunali del 20 e 27 giugno, il Pd organizza una assemblea pubblica il 18 giugno alle ore 19,30 presso la propria sede su Corso Italia 34.

PD Massafra

15 giugno 2013

• Resoconto consiglio Comunale del 10 Giugno

Momenti di tensione durante il consiglio comunale 10 giugno. 
In via preliminare il capogruppo del PD , Vito Miccolis con i consiglieri di SEL e CdC hanno chiesto a gran voce di ritirare i 6 punti aggiuntivi dall'ordine del giorno della seduta . 
Punti che parlavano di argomenti delicati quali le tasse comunali dell' IMU , della TARES (nuova tassa sui rifiuti e servizi che sostituisce la TARSU) , della TOSAP e dell' IMP
Il Pd ha argomentato che la presenza dei punti aggiuntivi era illegittima in quanto andava notificata almeno un giorno lavorativo prima del consiglio. 
I punti sono stati resi noti il venerdì , il sabato e domenica gli uffici comunali sono chiusi , ed era impossibile recuperare dati per argomentare al meglio i provvedimenti relativi alle tasse comunali. Sono seguiti momenti di tensione tra Pdl e Puglia prima di tutto .
Dopo una sospensione tutti i punti aggiuntivi sono stati rimandati al prossimo consiglio comunale del 20 giugno alle ore 9.00 . 
La seduta è proseguita con l'approvazione a maggioranza del riconoscimenti di debiti fuori bilancio aventi ad oggetto: attribuzione nucleo familiare, regolarizzazione contributiva previdenziale, recupero credito erariale, sentenze esecutive, atto di precetto, sentenze giudice di pace . 
Rinviato al prossimo consiglio comunale l'ordine del giorno sulle "Problematiche di Igiene Urbana" presentato da Puglia prima di tutto , Partito Democratico e Sinistra ecologia e Libertà .

12 giugno 2013

• COORDINAMENTO PD del 13/06

GIOVEDÌ 13 GIUGNO
ore 18.30
nella sezione di Corso Italia  , n.34
COORDINAMENTO

DEL PARTITO DEMOCRATICO
si discuterà di Raccolta Differenziata e Ambiente.





11 giugno 2013

• Si nomini un ambientalista a subcommissario dell'Ilva

"Va nominato un esponente autorevole della cultura e della coscienza ambientalista nazionale a subcommissario nella struttura, prevista dal Decreto sull'Ilva, che sovrintenderà la rigorosa applicazione dell'AIA".
E' questa la proposta avanzata dal Consigliere regionale del PD, Michele Mazzarano, nel suo intervento in aula durante il dibattito sull'emergenza Ilva.
"Siamo di fronte ad un atto, quello del Governo, di portata eccezionale perché avoca alle funzioni dello Stato quelli che dovevano essere gli obblighi della proprietà su cui grava una verticale caduta di credibilità etica e finanziaria.
Rischiamo pero' che la nomina di Bondi, e il giudizio controverso scaturitone, appanni la forza e il coraggio del provvedimento del Governo. Il completamento della struttura commissariale può
essere l'occasione per coinvolgere tutte le sensibilità che guardano con apprensione alla vicenda Ilva"

• Sei nuove campane per la RD a Massafra di cui una direttamente da…Ginosa!

Sei nuove campane per la RD a Massafra di cui una direttamente da…Ginosa! 
La nostra indagine sulla raccolta differenziata, sta portando i suoi primi frutti. A poche ore dalla pubblicazione del nostro precedente comunicato, contenente i dati sconcertanti sullo scarsissimo numero delle campane della raccolta differenziata, ne sono magicamente comparse 6
 Non sono nuovissime, sono bianche e riconoscibili da scritte con il pennarello. Su di una vi è scritto inequivocabilmente la dicitura “Comune di Ginosa”. 
Che si sia deciso di “riciclare” i contenitori per la raccolta differenziata?

Le nuove postazioni per la differenziata sono ubicate su viale Marconi, nei pressi dell’Ufficio di collocamento ed a Pratofiorito. Non rispondono minimamente agli standard qualitativi e quantitativi che servono a Massafra . Con due campane in più per tipologia arriviamo ad una media di 1campana per 1800 abitanti, numeri lontanissimi da 1 campana ogni 300-400 abitanti prescritta dall’ ISPRA
Questi “gesti estemporanei” sono l’ennesima prova del vuoto politico e amministrativo presente a Massafra. Vuoto che produce solo soluzioni pasticciate, sterili e scarsamente incisive! 
Consideriamo, la cosidetta Macro Area C, comprendente le frazioni e borgate di Forcellara San Sergio, Cernera, Citignano, Verdemare e Chiatona: qui possiamo assistere al massimo della “strategia” sulla RD del Comune! In queste zone della città

risiedono 3000 cittadini che nei mesi estivi passano a 6500. 
Ebbene: qui il servizio di raccolta differenziata è inesistente.
 Le campane per la raccolta sono, dovunque, pari a zero. 
Ricordiamo che secondo le “Linee guida sulle modalità operative dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani “ dell’ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) nelle aree a insediamento sparso, al fine di garantire la copertura di frazioni isolate, è necessario giungere ad una densità di 1 campana ogni 150-200 abitanti! 
 In realtà, come sopra detto, ciò non vale per i massafresi residenti a Forcellara San Sergio, Cernera, Citignano, Verdemare e Chiatona ! 
Evidentemente per chi ci amministra si tratta di cittadini di serie B, senza servizi e comunque tartassati dalle tasse comunali
 Alla luce dei ripetuti e vani tentativi chiediamo che si coinvolga l’intero Consiglio Comunale, le Commissioni e l’intera cittadinanza per la definizione di un piano per la raccolta differenziata. Ribadiamo, ancora una volta che la soluzione del problema rifiuti è la raccolta differenziata “ porta a porta “ monomateriale e puntuale e soprattutto che è fondamentale incentivare i cittadini con relativi sgravi sulle tasse comunali. Il tutto, sempre, supportato da una capillare campagna di informazione dei cittadini e degli stranieri residenti.

7 giugno 2013

 Il Circolo del Partito Democratico Massafra

9 giugno 2013

• Consiglio Comunale del 10 giugno 2013



Il Consiglio Comunale è stato convocato, in sessione straordinaria, per lunedì 10 giugno p.v. alle ore 9,00, presso la Sala Consiliare di Piazza Garibaldi, per discutere i seguenti argomenti: 
  1.  Ordine del giorno presentato dai capigruppo (Partito Democratico , PPT e SEL) sul tema: “Problematiche Igiene Urbana”; 
  2.  Riconoscimenti debiti fuori bilancio per: attribuzione nucleo familiare, regolarizzazione contributiva previdenziale, recupero credito erariale, sentenze esecutive, Consorzio Works, atto di precetto, sentenze giudice di pace, per revisione ISTAT tariffa di conferimento CISA; 
  3.  Intervento di messa in sicurezza della SS. n. 7 Appia nei pressi dell’abitato di Massafra. Approvazione progetto definitivo ai fini urbanistici ed espropriativi; 
  4.  Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) - determinazione numero e scadenze rate di versamento per l’anno 2013 in attuazione dell’art. 10, comma 2, decreto legge 8 aprile 2013, n. 35; 
  5. Definizione criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali d. lgs. 152/2006 e s.m.i.; 
  6.  Modifica Regolamento Entrate; 
  7.  Regolamento Imposta Municipale Propria;
  8.  Regolamento Comunale sulla Tassa per l'occupazione di spazi e aree pubbliche  Tosap
  9.  Imposta Municipale Propria (I.M.U.) – approvazione aliquote per l’anno 2013; 
  10.  Piano di attuazione provinciale del programma regionale per la tutela dell’ambiente: “interventi nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale per la caratterizzazione e/o la messa in sicurezza o bonifica di aree industriali dismesse ad alto rischio o per la messa in sicurezza di aree di ex discariche comunali. Approvazione progetto definitivo ai fini urbanistici ed espropriativi”.



•Differenziata, Pd: una grande confusione

Ancora polemiche. Il Pd contesta l’organizzazione in città della raccolta differenziata che l’amministrazione intende allargare al resto del paese e chiede la convocazione del consiglio comunale per discutere dell’argomento. “E’ un fallimento” sostengono dal circolo “una raccolta differenziata stentata, raffazzonata, senza programmazione ed in compenso tanta difficoltà per tutti”. Il punto debole sarebbero i cassonetti “assolutamente insufficienti e, per giunta, diversi tra loro”. Vi è, cioè, un caos multicromatico che crea confusione tra i cittadini a scapito del risultato della raccolta. “Secondo la normativa - osservano dal Pd - i colori dovrebbero essere giallo per la plastica, blu per la carta e verde per il vetro. A Massafra, invece il giallo è per la carta, il blu per la plastica ed il bianco per il vetro. Ma solo in teoria perché, in realtà, i colori variano anche tra campane dello stesso tipo, tant’é che il loro contenuto è riconoscibile solo da adesivi o scritte . In più punti, poi, ci sono campane bianche nelle quali, in alcune zone si deposita il vetro, in altre la plastica, in altre la carta
”. Ma non basta perchè anche il loro posizionamento non risponderebbe alle esigenze. “Devono essere collocati in modo capillare” osservano dal Pd - con una disponibilità di 1 campana ogni 300-400 abitanti, con una distanza tra utente e campana non superiore ai 250 metri. A Massafra, ci dovrebbero essere almeno 70 per ogni tipo di rifuito. Ma in realtà ce ne sono solo 12 per la plastica, 11 per il vetro e 13 per la carta. In compenso i massafresi pagano la Tarsu tra le più alte della provincia”. 

 TarantoSera

6 giugno 2013

• Questa è la RD a Massafra , 1 campana per la differenziata ogni 2000 abitanti !



Avevamo ragione: la strategia sulla raccolta differenziata è stata un fallimento, l’assessore Gentile, lasciato solo dal Sindaco Tamburrano, non ha certo risposto agli interrogativi dei cittadini e del PD sul problema. Anzi, si è raccontata “la favoletta” di un piano rifiuti che non c’è e della scomparsa dei cassonetti presenti in città. “Scomparsa” che, in realtà, è già avvenuta da tempo, ovvero quando ad ottobre 2012 sono “spariti” quasi tutti i cassonetti per la raccolta differenziata
Risultato: una raccolta differenziata stentata, raffazzonata, senza programmazione alcuna ed in compenso, ora come ad ottobre scorso, tanta difficoltà per tutti i massafresi ! 
 Prendiamo in esame la cosiddetta “Macro Area B” , ovvero il centro abitato, escluso il Centro Storico e le frazioni di Forcellara San Sergio, Cernera, Citignano, Verdemare e Chiatona: questa parte della città conta 24 mila abitanti, pari al 75% dei massafresi. 
In detta zona della città il servizio si svolge tramite raccolta in strada: i cittadini possono conferire i loro rifiuti in contenitori presenti sul ciglio della strada. 

Ma proprio i cassonetti sono il punto debole della strategia comunale sulla raccolta differenziata, essendo pochi, assolutamente insufficienti e, per giunta, diversi tra loro. Nella nostra città, infatti, vi è un caos multicromatico e ciò, non rappresenta solo un problema di decoro urbano, ma un'assoluta carenza di uniformità che penalizza l’efficacia della raccolta differenziata. Secondo la normativa comunitaria  la EN 16403/2012 i colori dovrebbero essere giallo per la plastica, blu per la carta e verde per il vetro! In città, invece il giallo è per la carta, il blu per la plastica ed il bianco per il vetro. 
 Tutto ciò, “in teoria” perché, in realtà, nel nostro Comune possiamo vedere che i colori variano anche tra le stesse campane e dello stesso tipo, tant'é che il loro contenuto è
riconoscibile solo da adesivi o scritte con i pennarelli; situazione che non agevola certo la raccolta. In più punti, poi, ci sono campane bianche nelle quali, in alcune zone si deposita il vetro, in altre la plastica, in altre la carta. In più parti capita di ritrovarsi davanti a tre cassonetti bianchi
Per quanto riguarda il posizionamento e, soprattutto il numero delle campane, come detto, queste sono assolutamente insufficienti, non adeguate alle esigenze dei 25 mila massafresi che, di fatto, possono contare solo su 13 contenitori per il vetro, 11 contenitori per la carta e 12 contenitori per la plastica
 In media, quindi, appena 1 campana ogni 2000 abitanti!!!! Ricordiamo che secondo le “Linee guida sulle modalità operative dei servizi di raccolta dei rifiuti rifiuti urbani“ dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Ii cassonetti devono essere collocati in modo capillare in tutto il territorio comunale interessato dalla presenza di insediamenti. Come regola generale si assume che un'ottimale distribuzione dei contenitori debba tendenzialmente garantire la disponibilità di 1 campana ogni 300 – 400 abitanti , con una distanza tra utente e campana comunque non superiore ai 200-250 metri!
 Secondo queste indicazioni, quindi, a Massafra, ci dovrebbero essere almeno 70 campane di vetro, 70 campane di plastica e 70 campane di carta. Per quanto sopra esposto ci chiediamo come può questa maggioranza non essersi accorta che in città ci sono solo 12 contenitori per la raccolta della plastica, 11 per il vetro, 13 per la carta e, frattanto, continuare ad additare la cittadinanza di scarso senso civico e addebitare agli stessi cittadini le conseguenze dei disservizi. In compenso tartassano i cittadini con la TARSU tra le più alte della provincia
Alla luce dei ripetuti e vani tentativi chiediamo che si coinvolga l’intero Consiglio Comunale, le Commissioni e l’intera cittadinanza per la definizione di un piano per la raccolta differenziata. 
Noi crediamo che la soluzione del problema rifiuti sia la raccolta differenziata “ porta a porta “ monomateriale e puntuale e soprattutto che si incentivino i cittadini con relativi sgravi sulle tasse comunali
 Il tutto, sempre, supportato da una capillare campagna di informazione dei cittadini e degli stranieri residenti. 

 Il Circolo del Partito Democratico Massafra

5 giugno 2013

• Blasi, Romano e Mazzarano: “Su Arif assessorato disinformato”


"Dispiace che la nostra voglia di tutelare le sorti degli agricoltori, abbia causato la reazione stizzita dell'assessorato competente, che ci accusa di essere disinformati sulla questione del raddoppio dei prezzi delle acque irrigue fornite dall'Arif, così come stabilito da una delibera di giunta lo scorso 3 giugno". Lo sottolineano il segretario regionale del Partito Democratico, Sergio Blasi, il capogruppo in Regione, Pino Romano e il consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano
"Tuttavia - aggiungono gli esponenti Pd - siamo costretti a far notare che è lo stesso assessorato a non conoscere i fatti, dal momento che l'Arif, questa mattina, ha sospeso il raddoppio delle tariffe così come da noi richiesto, aprendo inoltre una fase di concertazione con le associazioni di categoria, ed evidenziando che l'aumento non incideva sulla tenuta del bilancio".  
"Da questa decisione dell'Arif - rilevano Blasi, Romano e Mazzarano - risulta evidente che l'assessorato ha portato l'esecutivo ad assumere atti in distonia con la normativa in materia". 
"Ad allarmare il mondo dell'agricoltura - proseguono - non sono i dubbi leciti sollevati dalla politica, ma le decisioni dannose che vengono assunte, probabilmente, con superficialità e senza conoscere bene la realtà su cui queste incideranno. Dal canto nostro, non cesseremo di interessarci a un mondo che, come già sottolineato, rappresenta la spina dorsale della nostra economia. Non è un caso se, in più occasioni, abbiamo fatto nostre e sostenuto le richieste delle associazioni di categoria, come la richiesta di proroga della scadenza dei termini per il pagamento della sanatoria sui pozzi artesiani, e la richiesta di rivisitazione degli indici di congruità. In entrambi i casi, purtroppo, non abbiamo avuto alcuna risposta ".
"Detto questo - sottolineano - precisiamo che non è nostra intenzione imbastire alcuna azione bipartisan su questa vicenda, come ipotizzato oggi da alcuni quotidiani. Il nostro contributo, infatti, è rivolto solo a qualificare l'azione di governo del centrosinistra, specialmente quando questa riguarda temi importanti come quello dell'agricoltura".
"Forse – concludono gli esponenti del Pd - per rendere meno farraginosi meccanismi e soluzioni, bisognerebbe affrontare i problemi della Puglia con una chiave di lettura più politica e molto meno legata ai tecnicismi della burocrazia. Un po’ più di umiltà e senso della fase che sta vivendo il Paese, di certo non guasterebbero’’.

• Miccolis : Al nuovo Liceo mancano le aule !


Incredibile ma vero. La nuova sede del Liceo scientifico De Ruggeri ha due immensi scantinati, ma mancano le aule. La struttura è dotata di uno scantinato sotto la Palestra e l’altro sotto il padiglione centrale della sede. Chi ha visitato i due locali interrati li ha definiti immensi, ma inutilizzabili. Sembrerebbe che manchino anche le rifiniture. E’ l’ultima perla della costruzione della nuova sede del Liceo. Infatti tutti sapevano che le aule erano insufficienti e che alcune classi dovevano continuare ad utilizzare il vecchio edificio di via Carducci, ma mai nessuno aveva rilevato la presenza di due immensi scantinati che non potranno mai essere utilizzati per attività didattiche. La mia scoperta è stata quasi casuale. Ho notato nella nuova sede una piccola porta esterna ed una scalinata che conduceva sotto la pavimentazione dell’androne principale. Dopo una breve indagine ho avuto notizie dell’esistenza dei due scantinati e che gli stessi non potranno essere utilizzati per dimuire la carenza delle aule: insomma uno sperpero di denaro pubblico. Si poteva benissimo investire tali risorse per la realizzazione degli ambienti necessari invece di prevedere e costruire i due mega scantinati. Abbiamo atteso quarant’anni per la nuova sede, non un quarto di secolo come ricordato nell’inaugurazione ufficiale della scuola. Ho partecipato ad una riunione quarantanni fa quando frequentavo le prime classi del Liceo, che all’epoca era ancora sede distaccata del Battaglini. Il progetto esecutivo della nuova sede del Liceo per un importo di euro 6.4000.000, redatto dall’arch. Cosimo Rubino e dall’ing. Francesco Donato D’Accavio, fu approvato dalla Giunta Provincia nella seduta del 28.12.2005. Il 17.4.2008, con determinazione del Dirigente del Settore Appalti e Contratti della Provincia, a seguito di pubblico incanto, è stata aggiudicata la costruzione del Liceo alla Impresa “Ponteggi Brindisi srl", poi denominata "Carparelli Costruzioni srl", ed in data 15.7.2008 è stato stipulato il relativo contratto di appalto. Il 15.1.2009 il Direttore dei Lavori ha proceduto alla consegna. Finalmente dopo anni di proteste e scioperi di diverse generazioni di studenti l'apertura era prevista per il 15 aprile del 2012.Tale data inizialmente fu spostata al 15 giugno con determina dell’ ing. Giuseppe Liaci, responsabile unico del procedimento della costruzione della nuova scuola, che concedeva 60 giorni di proroga alla società "Carparelli Costruzioni srl". L’impresa, con nota del 9.3.2012, aveva comunicato alla Provincia di Taranto di non poter proseguire i lavori di sistemazione esterna per la mancanza, in particolare, dell’allaccio della fogna bianca alla rete pubblica, lavori di pertinenza del Comune. L’amministrazione massafrese con nota del 16.3.2012, a firma del Dirigente del Settore Ripartizioni Lavori Pubblici, comunicava alla Provincia di non potere eseguire l’allaccio delle acque bianche dell’edificio scolastico alla tubazione comunale posta in via Crispiano, autorizzando però l’allaccio con ogni onere a carico dell’Ente Provincia. Le somme necessarie per l’allacciamento alla rete bianca comunale ammontano ad euro 8.500, comprensiva di euro 300 per oneri per la sicurezza, oltre IVA. La Provincia, per evitare la sospensione dei lavori ed il conseguente danno economico per l’Ente, ha contattato l’impresa "Carparelli Costrizioni srl" che ha accettato di eseguire i lavori in questione per un importo di euro 6.558,57, applicando un ribasso del 23,676% pari a quello di aggiudicazione dell’opera. La Provincia con determina a firma dell’ing. Giuseppe Liaci ha approvato l’atto di cottimo fiduciario per l’esecuzione dei lavori per la realizzazione dell’allaccio alla rete bianca comunale, necessari per la sistemazione del deflusso delle acque meteoriche che interesseranno il costruendo Liceo, e ha affidato all’impresa Carparelli Costrizioni srl di Fasano. Poi sono arrivati anche i ritardi per il muro di recinzione della scuola dell’infanzia “Arcobaleno” che si trova al confine con il Liceo. Finalmente sabato 27 aprile l’inaugurazione ufficiale della nuova sede del Liceo. Ora la scoperta che mancano le aule ma vi sono due grandi scantinati: La storia continua…….

 VITO MICCOLIS
 Capogruppo del PD