.

OTTAVA FESTA DE L'UNITÀ: "SÌ RIPARTE, INSIEME."

.

IL 5 GIUGNO 2016 VOTA PARTITO DEMOCRATICO. VOTA IDA CARDILLO SINDACA.

ECCOCI.

C'E' UNA POLITICA CON LA SCHIENA DRITTA CARICA DI ENTUSIASMO E VOGLIA DI FARE , PARTECIPA E SEGUI ANCHE TU IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA

18 luglio 2016

NOTARISTEFANO :" YOU CALL IT EUROPE , I CALL IT HOME"

Si è tenuta presso il Parlamento europeo di Bruxelles, dal 29 giugno al 1 luglio, la prima “Summer School dei Giovani Democratici ”, alla quale hanno preso parte anche il Responsabile formazione dei GD della provincia di Taranto, il manduriano Francesco Pio Gennari e il segretario de GD di Massafra Angelo Notaristefano. “Riscopriamo la vera Europa” è stato il titolo della tre giorni di scuola politica europea per Giovani Democratici in collaborazione con il gruppo Socialisti&Democratici che ha visto la partecipazione di 150 giovani da tutta Italia. Ad accompagnare i ragazzi in questa bellissima esperienza formativa molti europarlamentari del Partito Democratico, primi fra tutti Brando Benifei e Patrizia Toia, e il Segretario nazionale della Giovanile Mattia Zunino. La Scuola è caduta a qualche giorno dalla Brexit, che è stata per ovvie ragioni al centro di numerose riflessioni. Un avvenimento importante che deve essere osservato con le dovute misure, così come bisogna porre le necessarie attenzioni alle motivazioni che hanno spinto la Gran Bretagna a compiere questo passo. In questa direzione e verso la nascita di una nuova Europa, con al centro le nuove generazioni, queste le parole di Gianni Pittella rivolte ai GD: "Non abbiamo bisogno di voi giovani come veicoli per comunicare il nostro lavoro, ma come attori per costruire un'Unione che sia amica dei cittadini, è una impresa storica". Secondo il responsabile alla formazione, Gennari, si è concretizzata una grande iniziativa che non solo ha arricchito la cultura e conoscenza personale che si aveva sulla vecchia Europa, ma che ha anche consentito di sviluppare nuove e frizzanti idee da concretizzare nei nostri territori. “L’ultimo giorno di Summer School europea” prosegue “segnerà il punto d’inizio per un lavoro ben più ampio che svilupperemo nei territori, piazza dopo piazza, per riavvicinare i giovani alla politica e all’Europa. Il nostro scopo sarà di convogliare le energie dei giovani in laboratori di idee, guardando alla grande famiglia dei socialisti europei”. “Ritorniamo da Bruxelles - dice Notaristefano - carichi di entusiasmo e di speranza, con l’idea di un Europa più forte ed integrata sinonimo di opportunità. A noi giovani, a noi progressisti, tocca tracciare una Strada fatta di scelte coraggiose per creare una realtà europea meno retorica, meno burocratica ma riformista e vicina ai territori, che sia proiettata verso la crescita e la pace. Ripartiamo dalle idee, dalle discussioni, dai confronti vissuti con tanti ragazzi provenienti da tutta l’Italia che hanno i nostri stessi sogni e la nostra stessa voglia di cambiamento. You call it Europe, I call it HOME". 

 Giovani Democratici Federazione di Taranto

CARDILLO: "BISOGNA INTERCETTARE FONDI PER LA RISTRUTTURAZIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI MASSAFRESI ”

Invitiamo la nuova giunta comunale a cogliere al volo l'opportunità data dalla Convenzione, appena rinnovata per il Triennio 2016-2019 e deliberato nella legge regionale n.517 del 19/04/2016, tra Regione Puglia, Assessorato allo Sport, Istituto per il Credito Sportivo e CONI. Nel limite della somma complessiva di € 50.000.000,00  , ci si impegna a concedere ai soggetti previsti dall’art. 5, 1° comma del proprio statuto e dall’art 8 della L.R. n. 33/2006 e s.m.i., siti nella Regione ed indicati dalla stessa, mutui finalizzati alla costruzione, miglioramento, ristrutturazione, efficentamento energetico e messa a norma di impianti sportivi. Quale miglior occasione per proporre, coerentemente con quanto previsto dai punti programmatici dell'amministrazione al governo, progetti per la ristrutturazione e la messa a norma del Palazzetto dello Sport, dove sono opportuni impianti di areazione e climatizzazione, e dello Stadio Italia, che necessita di rifacimento del manto erboso in erba sintetica del campo A e B e di urgenti interventi strutturali alle tribune, evitando che esse si riducano solo a mere "vetrine" per infervorate campagne elettorali. Questa iniziativa sarebbe la risposta concreta nell'intento di promozione dello sport nella nostra città e all'esigenza di una grande quantità di cittadini che praticano attività sportiva/motoria/terapeutico-riabilitativa, sia a livello amatoriale che professionale, e che vede attive diverse società e associazioni nel campo. E' il momento giusto per riscattare dall'abbandono le squadre Basket Massafra, Massafra Calcio e pallavolo femminile che in passato hanno raggiunto traguardi sportivi importanti ed elevare culturalmente la nostra città. L'attività sportiva, infatti, oltre a rispondere ad uno stile di vita salutare, è anche spettacolo, passione, partecipazione, impegno. Essa educa ai valori della correttezza, della sana competitività e alla coesione sociale, costruisce nuove realtà umane forti più che nella forma nella sostanza, reattive ai disagi, al doping, all’alcool, alle droghe e a alla violenza e promuove nuove e prossime generazioni dotate di senso civico. Una politica responsabile dovrebbe esserne consapevole se vuole essere determinante per il cambiamento della società che amministra. E riscoprire, come sostenevano i nostri avi, il valore di una "mens sana in corpore sano". 

 Ida Cardillo 
Consigliera Comunale PD

SANITA’, IL PD PROPONE UN PIANO STRAORDINARIO DI 50 MLN PER TARANTO

Un piano straordinario in 5 punti e 50 milioni di euro per arginare e contrastare l’emergenza ambientale e sanitaria di Taranto che prevede: nuove assunzioni alla Asl tarantina, trasformare i contratti di medici ed infermieri a tempo determinato in contratti definitivi, acquistare un nuovo acceleratore lineare, riconvertire l’ospedale San Marco di Grottaglie. Lo propone il gruppo consiliare del Partito Democratico alla Regione Puglia che ha presentato una mozione – primi firmatari il capogruppo Michele Mazzarano (nella foto) e il consigliere Donato Pentassuglia – rivolta al Presidente della giunta regionale, ma anche ai parlamentari, in cui si impegna il governatore Michele Emiliano “a farsi portavoce a livello nazionale e ad assumere ogni iniziativa utile perché il Parlamento approvi specifiche disposizioni di legge che consentano alla Asl di Taranto di proseguire tutte le iniziative e le attività per fronteggiare l’emergenza ambientale ed epidemiologica” attraverso lo stanziamento straordinario di risorse finanziarie e strumentali per Taranto. Per i consiglieri regionali del Pd non è sufficiente prevedere procedure concorsuali straordinarie per l’assunzione di personale medico ed infermieristico, come previsto nella legge di stabilità 2016, una misura che non tiene conto della specificità e dell’urgenza della condizione del territorio ionico. Piuttosto serve tornare al “piano sanitario straordinario in favore del territorio della provincia di Taranto” convertito in Legge del 2012 e valido per il triennio 2012-2015 ma che alla scadenza non è stato riproposto. Grazie a quel Piano ed all’avvio del Progetto ionico-salentino in applicazione della Legge sulla Terra dei Fuochi, la Asl di Taranto aveva cominciato a fronteggiare l’emergenza, assumendo, con contratti a tempo determinato, diverse figure professionali che hanno maturato nel tempo una professionalità che, in una situazione critica e problematica, com’è quella tutt’ora in corso, non ci si può consentire di disperdere. Per questo e’ necessario un intervento legislativo che rilanci le misure straordinarie che c’erano e che sono state sospese a fine 2015 aiutando la Asl di Taranto come era in precedenza. Gli interventi non più prorogabili sono cinque: 1) assumere una parte del personale sanitario mancante che, da applicazione del DM 70/2015 consterebbe in 3000 unità, e che secondo la previsione della riorganizzazione della Giunta regionale all’attenzione del Ministero, riguarderebbe almeno 1800 unità a garanzia dei Lea e delle strutture oggi esistenti; tali deroghe comportano una specifica dotazione finanziaria stimabile in € 24.000.000; 2) trasformare il rapporto di lavoro dei dipendenti assunti a tempo determinato in rapporti di lavoro a tempo indeterminato, con conseguente proroga dei contratti a termine nelle more dell’espletamento delle procedure concorsuali, per un importo che è stimabile in € 15.500.000; 3) l’acquisto di un nuovo acceleratore lineare, in considerazione della vetustà dei due apparecchi attualmente in uso: il costo di tale strumento è pari a € 3.000.000; 4) un finanziamento dedicato per consentire di realizzare la riconversione dello stabilimento San Marco di Grottaglie: il costo di tale intervento è stimabile in € 2.500.000 ed ha come obiettivi la funzionalità riabilitativa ed il parziale rifacimento dell’immobile; 5) stanziamento di € 3.000.000 per materiale di consumo, attrezzature e attività diagnostiche di primo e secondo livello sulla base di quanto già relazionato dalla Asl jonica alla Regione nel 2015