.

OTTAVA FESTA DE L'UNITÀ: "SÌ RIPARTE, INSIEME."

.

IL 5 GIUGNO 2016 VOTA PARTITO DEMOCRATICO. VOTA IDA CARDILLO SINDACA.

ECCOCI.

C'E' UNA POLITICA CON LA SCHIENA DRITTA CARICA DI ENTUSIASMO E VOGLIA DI FARE , PARTECIPA E SEGUI ANCHE TU IL PARTITO DEMOCRATICO DI MASSAFRA

30 maggio 2011

• Prodi al Pd: «Ora gioiamo E lavoriamo per cambiamento»

Romano Prodi esorta il Pd dopo il successo ai ballottaggi: «Quando arrivano cambiamenti così grandi aumentano le responsabilità: quindi mezz'ora per gioire e poi cominciare subito un lavoro di organizzazione, di compattamento, di programmi per il cambiamento del Paese».

«Il cambiamento è stato molto più forte di quello che si prevedeva», sottolinea l'ex premier a margine di un convegno della fondazione Italianieuropei Cina: «Se ci fosse stata la vittoria in una città sola si poteva parlare di un momento di esitazione, ma un risultato così generale soprattutto al nord è segno di una grande stanchezza e insoddisfazione, anche se non vuol dire che sia immediata la possibilità di cambiamento».

Il Pd si deve concedere «mezz'ora per gioire e subito cominciare a lavorare sul compattamento e a fare programmi. Il Paese va cambiato a fondo ed è un'operazione di grande respiro che non può essere improvvisata se no questo vento diventa tempesta». Il voto, insiste Prodi, è stato dettato «dall'angoscia per il futuro, ma dare sicurezza su questo non è facile, serve un cambiamento collettivo. Già da oggi bisogna avere programmi e dire che paese vogliamo».

Forse, ha sottolineato, il risultato dei ballottaggi è «la premessa» di un cambiamento, ma - ha ammonito - «al governo si va quando si è pronti». Quanto al suo personale impegno, Prodi ricorda la linea tenuta in questi anni. «Mi sembra di essere stato abbastanza coerente - afferma- c'è stata una profonda partecipazione personale a quello che avviene nel Paese, do consigli quando sono richiesto. Ho avuto una vita politica intensa, adesso faccio altre cose».

l'Unità

25 maggio 2011

• La partita del cuore

Presentata nella masseria La Brunetta, “La partita del cuore”, l’evento calcistico che si terrà allo stadio “Italia” di Massafra sabato 28 maggio. In campo la nazionale Vip’Sport (fondata da Maurizio Scalvini con Stefano Tacconi e Franco Oppini) e una rappresentativa jonica composta da imprenditori e calciatori. Ad ideare l’iniziativa la Polisportiva Marangella, insieme all’associazione “Puglia Amore Mio”, col supporto di Domenico Marangi.

Un nutrito gruppo di personaggi dello sport e dello spettacolo pronti a scendere in campo, con lo scopo unico di raccogliere fondi da destinare ad iniziative benefiche. Tra gli artisti e gli uomini di sport che calpesteranno l’erba dello stadio massafrese Rosario Rannisi (dal Grande Fratello), Patrizio Oliva (ex pugile), Lucio Pilato (ex calciatore del Napoli), Alessandro Genova (tronista), Beppe Convertini (attore), Antonio Zequila (attore), Jimmy Barba (Grande Fratello 11), Tullio Tomasino (Grande Fratello), Massimiliano Caroletti (coproduttore cinematografico), Eva Henger, David Lyoen (Grande Fratello), Totò Schillaci (ex calciatore della nazionale), Stefano Tacconi (ex portiere della Juve), Franco Oppini (attore), insieme a tanti altri nomi. La proposta, però, va oltre la gara tra la nazionale VipSport e la rappresentativa jonica. In programma un intero pomeriggio all’insegna del calcio. A dare l’input al cartellone, il quadrangolare tra le scuole calcio della provincia. A seguire una suggestiva sfida tra le vecchie glorie del calcio di Taranto e quelle di Massafra. Alle 21, infine, l’atteso appuntamento con la nazionale Vip’Sport.

La nazionale Vip’Sport scenderà in campo con l’impegno di aiutare quattro bambini di Massafra affetti da malattie cerebrali.

Biglietto d’ingresso: adulti 7 euro, bambini 5 euro.

Prevendita a MASSAFRA presso Jacana Cafe’, Cartoleria Mastroleo, Bar Aurora, Major Cafe’; a TARANTO presso Betpoint, via Lombardia 9/C.

Via: massafraoggi.wordpress.com

23 maggio 2011

•Un italiano su 4 a rischio povertà


Un quarto degli italiani “sperimenta il rischio di povertà o di esclusione sociale”. E’ uno dei passaggi più preoccupanti del ‘Rapporto Annuale’ dell’Istat. L’istituto rileva che il 24,7% della popolazione corre rischi altissimi. Il nostro Paese è al di sopra della media europea che si attesta al 23,1%.
Entrando nel dettaglio il rapporto svela che il rischio povertà riguarda 7,5 milioni di persone, pari al 12,5% della popolazione. 1,7 milioni si trovano in condizione di “grave deprivazione” e 1,8 milioni hanno un’intensità lavorativa molto bassa.

Un quadro decisamente allarmante se a questi dati aggiungiamo che “in Italia la crisi ha portato indietro le lancette della crescita di ben 35 trimestri, quasi dieci anni – si legge sempre nel rapporto - e l'attuale moderata ripresa ne ha fatti recuperare 13. Nel decennio 2001-2010 l'Italia ha realizzato la performance di crescita peggiore tra tutti i Paesi dell'Unione europea, con un tasso medio annuo di appena lo 0,2% contro l'1,3% registrato dall'Ue e l'1,1% dell'Uem".

Il rapporto rileva poi che la crisi del lavoro non colpisce più solamente il Sud del nostro Paese ma si sta spostando anche nel “ricco” Nord. ” Nel biennio di crisi economica 2009-2010 più della metà delle persone che hanno perso il lavoro erano residenti nel Mezzogiorno, dove l'occupazione si é ridotta di 280 mila unità. Ma anche le regioni del Nord sono state fortemente colpite e si contano 228 mila occupati in meno. "Le Regioni centrali sono rimaste invece sostanzialmente indenni dalle ricadute della crisi".

18 maggio 2011

• Due denunce a Massafra

Un elettore sorpreso a fotografare la scheda elettorale dopo aver espresso il voto per le elezioni comunali è stato denunciato dai carabinieri a Massafra. Si tratta dell'ultimo episodio (il secondo nel paese) di una serie di gialli avvenuti all'interno delle cabine elettorali e denunciate alle forze dell'ordine durante queste amministrative che hanno visto in Puglia un calo dell'affluenza. Alle 22 di ieri aveva votato il 53, 32 per cento degli aventi diritto, rispetto al 55,13 delle ultime consultazioni.

Alle 15 è la provincia di Taranto a risultare quella con la maggiore affluenza (77,61%).
Forze dell'ordine coinvolte anche a Massafra, dove ieri una donna romena è stata denunciata per violazione della segretezza del voto per aver fotografato la sua scheda elettorale. Caso che si è ripetuto questa mattina, sempre a Massafra. Questa volta ad essere fermato è stato un uomo. L'episodio conferma i sospetti dei carabinieri che le foto potessero servire come prova per compensi in denaro tra i 30 e i 50 euro.

La Repubblica

15 maggio 2011

• VOTA DEMOCRATICO

• Candidati del Partito Democratico con Vito Miccolis Sindaco


  1. Mazzarano Michele
  2. Basile Benedetto
  3. Bramante Angelo
  4. Cantoro Lucrezia
  5. Convertino Luigi
  6. D’Amato Alessandro
  7. Della Cagna Massimiliano
  8. Dicensi Antonio
  9. Dinoia Vito
  10. Favale Giuseppe
  11. Fiorenti Cosimo
  12. Laghezza Annarita
  13. Lazzaro Damiano Cosimo Antonio (Nino)
  14. Marchianò Angela
  15. Marino Cosimo Damiano
  16. Matarrese Francesco
  17. Messi Vito
  18. Miraglia Giuseppe Giovanni (detto Peppe)
  19. Nardelli Pasquale
  20. Palmisano Giuseppe (Pinuccio)
  21. Quero Giovanni
  22. Romano Diana
  23. Savino Michela
  24. Semeraro Giovanna

• Come si vota

Elezione nei comune di Massafra: sulla scheda l’elettore troverà i nomi dei candidati sindaci racchiusi in rettangoli con a fianco riportati i simboli della lista o liste collegate e una riga
stampata sulla destra di ogni lista nella quale è possibile esprimere una preferenza per i candidati al Consiglio comunale.
  • * Tracciando un segno solo sul contrassegno di lista, il voto si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato.
  • Se si vota il candidato sindaco soltanto, il voto sarà attribuito al solo candidato sindaco.
  • Votando sia il candidato sindaco che il contrassegno di lista prescelto, il voto verrà attribuito sia al candidato sindaco che al contrassegno di lista prescelto.
  • In questo tipo di votazione è ammesso anche il “voto disgiunto”, per quale l’elettore esprime il suo voto per un candidato sindaco e per una lista non collegata.
Si ricorda sempre che per eventuali candidature con omonimie, si deve scrivere sempre il cognome e il nome del prescelto, al fine di non creare confusioni.

14 maggio 2011

• Guida pratica per i rappresentanti di lista

Il Vademecum che presentiamo per coloro che opereranno nei seggi elettorali, è uno strumento che abbiamo redatto in base alle informazioni ed agli indirizzi della normativa elettorale che gli scrutatori ed i rappresentanti di lista nei seggi, potranno utilizzare come riferimento normativo sulle corrette modalità delle operazioni di voto.

--->Allegati
----->Guida per i rappresentanti nei seggi (pdf, 381 kb)

• Incontro Rappresentanti di Lista


Oggi , 14 Maggio alle ore 12:00 nel comitato sito in Piazza Garibaldi ci sarà un incontro con tutti i rappresentanti di lista

11 maggio 2011

10 maggio 2011

• Dibattito tra i quattro candidati sindaci di Massafra


OGGI Martedi 10 Maggio alle ore 16,00 in diretta su Studio 100, dibattito tra i quattro candidati sindaci di Massafra.

• Sulla scelta degli scrutatori in tre gridano “allo scandalo”

Un lungo elenco di circa tremila nomi. Un dito che scorre su quella lista. E’ quello del sindaco Martino Tamburrano che, così, ha scelto gli scrutatori della imminente tornata elettorale per le amministrative. Nulla di irregolare. La legge consente che sia il sindaco a nominare gli scrutatori. Ma i tre antagonisti della campagna elettorale che sta per volgere al termine gridano “allo scandalo”.

Conferenza stampa congiunta quella che si è tenuta stamattina. Nel salone dell’Appia Palace i candidati a sindaco Vito Miccolis e Angela Monaco, sostenuti anche da Giuseppe Cofano (assente per lutto), hanno evidenziato alcune “stranezze” emerse nel leggere la lista degli scrutatori che il 15 e 16 maggio gestiranno i seggi elettorali. “Molti degli scrutatori scelti - osserva Miccolis - sono gli stessi degli ultimi anni e poi i presidenti eletti dalla Corte d’Appello sono, in molti casi, parenti o affini a candidati ed attuali assessori del centrodestra. Questa situazione rischia di minare la regolarità del voto”. Preoccupazione che condividono in tre. Anche Cofano, seppure assente, ritiene che il metodo utilizzato dal sindaco Tamburrano, ricandidato alle amministrative, non sia stato del tutto “opportuno”. “Fino a quando sono stato io sindaco - ricorda - gli scrutatori sono stati nominati per sorteggio. La legge prevede la nomina diretta, ma trattandosi di elezioni per il rinnovo del consiglio comunale e non di elezioni politiche o regionali, sarebbe stato più opportuno procedere al sorteggio per evitare situazioni come quelle che oggi registriamo. Anche sulla nomina dei presidenti ritengo che, nei casi in cui ci sia parentela con i candidati, questi debbano rinunciare. E’ soprattutto una questione di buon senso”. Decisa a scegliere la via legale è Angela Monaco che parla di una “situazione difficile e scandalosa in una campagna elettorale che non ha niente di democratico, legittimo e trasparente. La legge consente il metodo usato da Tamburrano, ma questo non significa che un sindaco non debba essere equo. Ci sono situazione di incompatibilità che gli organi preposti dovranno valutare. Altrimenti è chiaro che viene violata la par condicio”.



TarantoSera



9 maggio 2011

• Scrutatori , non c'è trasparenza


Lo scorso 21 aprile 2011 si è svolta la procedura per la nomina degli scrutatori delle prossime elezioni amministrative a Massafra. La convinzione generale è che il metodo utilizzato, per la scelta dei suddetti, fosse quello del sorteggio, sensazione confermata anche dal materiale già preparato, quando invece, a completa discrezione del Sindaco, si è deciso di scegliere gli scrutatori tramite un nuovo e più interessante metodo che consiste nel puntare “casualmente” il dito sul nominativo contenuto in un registro sotto i suoi occhi.

Chieste delucidazioni in merito all’improbabile e tanto più ambiguo metodo, il Sindaco nonché candidato alle prossime elezioni amministrative si è giustificato asserendo di non poter conoscere tutti i tremila iscritti al registro degli scrutatori.

Se negli anni passati i nominativi dei suddetti scrutatori potevano essere consultati pubblicamente quest’anno invece non sono stati ancora resi pubblici né per mezzo di testate giornalistiche né presso l’albo pretorio, ma sono disponibili presso l’ufficio elettorale per la sola visione.

I Giovani Democratici esaminando l’elenco dei nominativi hanno notato come ben il 42% degli scrutatori abbia già svolto questo ruolo diverse volte e addirittura alcuni nominativi ricorrono fissi dalle elezioni del 2008; come se non bastasse abbiamo constatato che molti Presidenti di seggio sono vicini a candidati del centro-destra.

Denunciamo quindi a tutta la cittadinanza la mancata trasparenza e i frequenti atti di clientelismo perpetuati dall’Amministrazione uscente che nello stesso tempo vede i suoi membri protagonisti delle imminenti elezioni amministrative. Essendo il ruolo dello scrutatore di rilevante importanza nell’assicurare l’imparzialità e la correttezza delle operazioni di voto non è accettabile la sua subordinazione a voleri politici. Non è accettabile la presenza di piccoli eserciti “clientelare” di amici e “parenti”, pronti ad “obbedire” a chi li ha nominati. Tutto questo a scapito dei tremila iscritti all’ Albo degli Scrutatori e dell’intera cittadinanza.
Chiediamo che l’elenco degli scrutatori venga reso pubblico nell’immediato e confidiamo nelle forze dell’ordine affinché controllino il sereno svolgimento delle consultazioni elettorali.

Come Giovani Democratici crediamo che attraverso la trasparenza e la partecipazione attiva di tutta la cittadinanza si possano evitare questi loschi episodi e favorire il ritorno ad una maggiore credibilità da parte dei cittadini verso la politica.

7 maggio 2011

•Attività del 7 Maggio

  • oggi ore 16,00 incontro nel comitato di piazza Garibaldi con l' On. Massimo Donardi capogruppo alla Camera dell' Italia dei Valori
  • ore 19,00 incontro nel comitato di piazza Garibaldi con l' On. Ludovico Vico parlamentare PD e l' On. Sergio D'Antoni parlamentare PD

4 maggio 2011

•Blasi: «Puntiamo alla vittoria nei Comuni del tarantino»Sette candidati su dodici Comuni al voto. E’ la proporzione che stamattina anche il segretari

Sette candidati su dodici Comuni al voto.
E’ la proporzione che stamattina anche il segretario regionale del Pd, Sergio Blasi ha voluto evidenziare nel presentare le candidature a sindaco del partito nei Comuni ionici che il 15 e 16 maggio torneranno a votare.
Con lui, durante la conferenza stampa tenutasi nella sede di via Principe Amedeo, anche l’assessore regionale Michele Pelillo ed il presidente della Provincia, Gianni Florido.
Entrambi già impegnati sul territorio per sostenere le candidature a sindaco di Gianfranco Lopane per Laterza, Felice Bitetti per Ginosa, Vito Miccolis per Massafra, Ciro Alabrese per Grottagile, Angelo Miccoli per Statte, Luigi Conte per Avetrana e Cosimo Birardi per Monteparano (gli ultimi due erano assenti).“Il Pd - ha detto Blasi - è il partito che alle Elezioni.
ultime elezioni regionali ha ottenuto il maggior consenso proprio qui, a Taranto. Quella ionica è stata al provincia che ha registrato la percentuale più alta e la candidatura a sindaco di sette rappresentanti del Pd, su docidi Comuni al voto, è la testimonianza del consenso che il partito ha sul territorio. Si lavora per mantenere in piedi un gruppo dirigente che raggiunga gli obiettivi che ci siamo prefissati. Partiamo dalle elezioni amministrative per conquistare il Governo nazionale”.
Blasi guarda già al referendum di giugno per scalzare Berlusconi.
Abbiamo dimostrato che nella provincia ionica il Pd è presente e lavora - hanno aggiunto i rappresentati locali intervenuti - e ottenere un risultato positivo anche a queste amministrative rafforzerà ulteriormente il partito già composto da gente impegnata che ha fatto la storia del partito”.

2 maggio 2011

•VITO MICCOLIS presenta il suo programma e la sua coalizione


Martedì 3 Maggio alle ore 19,00, al Teatro Spadaro, convention di presentazione della coalizione di Centrosinistra e del programma amministrativo dei prossimi cinque anni di VITO MICCOLIS, candidato Sindaco al Comune di Massafra.
Saranno presenti tutti i partiti della coalizione.
La cittadinanza è invitata a partecipare numerosa.