3 ottobre 2015

LA PUGLIA DEVE PUNTARE SU TARANTO

Quella di istituire, in Puglia, un'unica Autorità di sistema portuale è una scelta saggia. Nell'ambito del nuovo Piano strategico nazionale della Portualità e della Logistica, per definire una nuova governance del settore, il Governo italiano ha confermato la volontà strategica di migliorare la competitività del sistema portuale e logistico, di agevolare la crescita del traffico delle merci e delle persone e la promozione della intermodalità del traffico merci, anche in relazione alla razionalizzazione, al riassetto e all'accorpamento delle Autorità Portuali esistenti. In questo quadro, mi sembra opportuno sottolineare la centralità e la strategicità del Porto di Taranto alla luce di alcuni evidenti fattori. Anche di fronte agli ultimi anni di grande difficoltà in cui abbiamo assistito allo spostamento delle linee nel Pireo da parte di Evergreen, la grave vertenza occupazionale che ha coinvolto 534 lavoratori della Taranto Container Terminal, la pesante crisi della grande industria, siamo convinti dell'enorme potenzialità del porto di Taranto legato alla realizzazione della piattaforma logistica e la centralità geopolitica nel Mediterraneo che, grazie al raddoppio del Canale di Suez, vedrà crescere i flussi di traffico dal Medio ed Estremo Oriente. Il porto di Taranto presenta quei caratteri di multifunzionalità da poter assolvere al ruolo di sede dell' Autorità di sistema. Questa vicenda non può innescare campanilismi ma è, invece, l'occasione perché tutta la comunità pugliese sostenga le ragioni di Taranto. Sono certo che, anche grazie al lavoro dei nostri parlamentari, il Governo confermerà la volontà originaria di portare a Taranto la sede dell'Authority

Michele Mazzarano
Capogruppo regionale PD Puglia