10 febbraio 2015

Garanzia Giovani a Laterza

Nella sezione locale del Pd laertino si cerca di combattere la rassegnazione. Il vittimismo tutto giovanile, spesso anche legittimo e giustificato da una cattiva e perdurante crisi economica globale e quindi dalla disoccupazione, che spinge oltre mezzo milione di giovani a non fare nulla. Li chiamano NEET, acronimo inglese usato per indicare i giovani che non studiano né lavorano. “Sono particolarmente emozionata. – così Lucrezia Laforgia, segretario del circolo PD, apre i lavori dell’incontro pubblico svoltosi venerdì scorso – Vedere una sezione così pulsante per la freschezza e l’energia giovane che voi ragazzi avete deciso di portare a questa manifestazione mi emoziona. Perché la politica è un rapporto bilaterale tra l’impegno di quei dirigenti che decidono di offrire servizi alla comunità, e l’energia di chi si approccia a queste iniziative con interesse e speranza”. Così come emozionato è stato Vincenzo Stano, segretario dei Giovani democratici laertini: “E’ bello sentirsi coinvolti. Ci dà responsabilità e allo stesso tempo ci permette di capire alcuni processi decisionali”. Garanzia giovani è il tema del secondo appuntamento rientrante nel nuovo approccio di formazione-informazione che il circolo laertino offre alla comunità: “Non solo per ottemperare a quella che è la funzione di un circolo, nella sua qualità di presidio sul territorio, ma anche per colmare quel vuoto che spesso si crea tra cittadini e Istituzioni” spiegando così, Sebastiano Stano consigliere comunale PD, quello che è l’intento delle iniziative che hanno dato l’avvio a questo nuovo anno. “Proseguendo il lavoro svolto da Vito Miccolis (presente anche lui alla manifestazione, N.d.R.) - anche Luciano De Gregorio, ex assessore provinciale alla Formazione e Lavoro, ora delegato alla stessa materia nella segreteria della federazione provinciale – abbiamo cercato di dare una nuova configurazione a quelle che sono le politiche inerenti la formazione e l’accesso al lavoro. Garanzia giovani è una iniziativa che ha diversi meriti. Il primo, forse il più rilevante, è che questa iniziativa parte dall’Unione Europea, che mette a disposizione di noi cittadini europei risorse e strumenti per combattere una grave piaga: la rassegnazione. La fascia d’età oggetto di queste misure è la più delicata nella nostra società: quella che va dai 15 ai 29 anni, sulla quale è purtroppo scaricato il peso di questa crisi”. “Spesso quello che manca è la comunicazione informativa – una riflessione da parte di un imprenditore, Emanuele Bongermino, componente del direttivo locale del PD – e le informazioni sono necessarie alle imprese, per lo meno a quelle imprese che voglio crescere. E se si vuole crescere, è necessario non perdere di vista i giovani”. “Una cosa è certa – ha chiosato il consigliere regionale PD Michele Mazzarano – probabilmente ci potranno essere delle cose di cui lamentarsi in relazione all’operato del governo regionale uscente. Ma quanto fatto in materia di politiche giovanili e di avvio al lavoro e per l’imprenditorialità la Puglia è sicuramente tra i primi posti in Italia”. “Non voglio prendervi in giro – ha spiegato Giuseppe Palmisano, responsabile del Centro territoriale per l’impiego di Massafra – aderendo a Garanzia giovani non ci si deve fare poi l’illusione che il lavoro sia dietro l’angolo. Aderendo a questo progetto però si potrebbero aprire nuovi orizzonti”. Gli orizzonti passano per i servizi. E i servizi sono tanti, quelli messi a disposizione grazie ai fondi previsti dalla misura Garanzia giovani: Accoglienza, Orientamento, formazione, accompagnamento al lavoro, apprendistato, tirocini, servizio civile, sostegno all’autoimprenditorialità, mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o nei paesi UE, Bonus occupazionale per le imprese (per un contributo che va dai 1500 ai 6 mila euro, formazione a distanza. I servizi sono tanti e diversi che il consiglio che deve essere dato è soprattutto quello di rivolgersi presso i centri territoriali per l’impiego, oppure, come ribadito dalla segretaria Laforgia, ci si può recare presso il circolo in via Cormons, 12 a Laterza per avere maggiori delucidazioni o per avere un aiuto grazie alla postazione internet presente in sede, per l’iscrizione on line. 
di Marilena Surdo
http://www.cosmopolismedia.it/categoria/20-comuni/7811-garanzia-giovani.html