15 maggio 2012

• YES WE CAN(E)


Mercoledì 16 maggio, alle ore 19, presso il palazzo della cultura il ROTARACT CLUB MASSAFRA organizzerà una tavola rotonda sul tema del randagismo nella nostra città.

Nell’ambito del service distrettuale “Rotaract bau” i ragazzi di Massafra si sono dedicati con entusiasmo al progetto “yes we can(e)”, volto a sensibilizzare la cittadinanza su un problema tristemente noto a tutti, un tema scottante che vede all’ordine del giorno aggressioni a bambini e adulti da parte del crescente branco di randagi che popola le nostre strade. Cani che in condizioni normali sarebbero fedeli e gioiosi compagni di vita si trasformano in belve inferocite dall’incuria e dall’inciviltà di molti concittadini che non gli concedono il rispetto che meriterebbero in quanto esseri viventi. Purtroppo la situazione è sfuggita di mano e si è entrati in un circolo vizioso che pare non avere via d’uscita, ecco dunque l’idea del Rotaract club Massafra: portare in una pubblica assemblea il problema e discuterne con persone competenti al fine di presentare proposte tangibili e illuminare i vari punti oscuri che la situazione attuale presenta. Il club inoltre raccoglierà dei fondi, attraverso libere offerte, che saranno destinati alla dott.ssa Convertino e le sue volontarie per la sterilizzazione e vaccinazione dei randagie e a promuovere e ad incentivarne le adozioni.

Interverranno al dibattito: il sindaco dott. M.C. Tamburrano, l’ass. G. Marraffa con delega all'ambiente, l’Arch. L. Traetta dirigente V ripartizione ecologia, ambiente, urbanistica, ecc., l’ avv. Vito Miccolis capogruppo PD, la Dott.ssa C. Convertino medico veterinario, il Dott. C. Tarquinio dirigente servizio veterinario ASL Castellaneta, il dott. Gisonna medico veterinario ASL Massafra, il sig.C. Passaro segretario lega nazionale per la difesa del cane, sezione di Francavilla Fontana.

È il momento di passare dalle parole ai fatti, è il momento di riversare tutte le energie che si sono impiegate in futili polemiche in qualcosa di concreto, è il momento di scendere in piazza e far valere la propria opinione perché insieme possiamo farcela, yes we can(e)!